Salta la navigazione

Tag Archives: Mara Selvini

Leggo in cronaca: “A ruba le tombe del Verano, un successo l’asta sul web. Prezzi record per le tombe abbandonate del Verano battute all’asta on line sul modello ebay. Le cifre battute hanno superato di gran lunga la base d’asta. Da 150mila euro si è passati per un sepolcro di particolare valore a 900mila euro. Il valore base di tutta la gara era stimato in circa 2,5 milioni di euro ma si spera di superare i 10 milioni di euro”.

Non riesco proprio a immaginare che cosa renda tanto appetibile una tomba al Verano: se il desiderio di possedere un manufatto più o meno artistico o proprio il desiderio di … abitarvici prima o dopo, di garantirsi un prestigioso monolocuo o biloculo con vista panoramica sull’al di là, quasi un attico acheronteo, purtroppo – immagino – senza servizi né semplici né doppi.

Appartengo a un’età nella quale qualche pensierino funereo purtroppo non manca, ma preferisco prendere non troppo sul serio la faccenda. Non perché non pensi alla morte, ma perché non vale la pena togliere troppo tempo … alla vita: per pensare alla morte, si lascia morire la vita.

Alla morte ci penso, eccome. Confesso, che, dolore del morire a parte, la morte non mi fa proprio paura. Mi intriga l’idea di potere finalmente vedere direttamente in faccia Dio in tutte e tre le Persone e nel Loro relazionarsi. Ho tante domande da fare a ciascuno dei Tre. Mi diverte l’idea di poterLi interrogare e di potere godere delle loro risposte. Saranno senz’altro risposte … da Dio.

Mi affascina poi l’idea di potere incontrare Maria, sentirne la voce, goderne lo sguardo in diretta, guardandoLa anch’io, come Lei ha da sempre – bontà Sua – voluto guardarmi. E poi, chissà che festa, con tutti quegli incontri che mi attendono: nostro figlio morto al secondo mese di gravidanza, mia mamma, mio papà, la mia sorellina morta prima che io nascessi, tanti amici e tante persone care, poi il mio sant’Agostino, santa Monica, san Francesco con Chiara, san Severino Boezio, san Tommaso Moro. Che festa! Che gioia.! Poi mi porteranno senz’altro ad ascoltare i miei Parmenide, Socrate, Platone, Aristotele, Plotino, Kant, Bruno, Husserl, Heidegger. Quante domande anche per loro ho qui pronte! E, poi, vedrò e ascolterò Saffo, Leopardi, il mio Dante, Omero, Ariosto, Cervantes e tutti gli altri. Che goduria!

E incontrerò don Mazzolari, don Milani, don Diana, don Puglisi, monsignor Romero. Con gioia mi confesserò da loro e – attraverso la confessione nella loro grande tribolazione e nel loro sangue – parlerò ancora meglio con le Tre Persone, le capirò di più, le godrò di più e godrò di più della grande festa di lassù. I Martiri sono come i poeti: danno gioia alla gioia, eternità all’eternità, testimonianza alla testimonianza, godimento al godimento.

Poi mi godrò i grandi fisici, i prodigiosi musicisti. Forse Puccini mi lascerà fumare un buon sigaro con lui. Poi incontrerò i grandi psicologi, la mia maestra Mara. E vedrò i grandi danzatori, le stupende danzatrici. Che vertigine! E che musiche canteranno tutti i presenti. Sì, sarà la gioia della presenza. Altro che luogo e tempo delle assenze!

E incontrerò i popoli negati, i geni mai riconosciuti, le creature non nate, le anime soffocate, le infanzie uccise. Vedrò vivere le storie che non sono potuti essere, le culture che non sono potuti diventare, gli amori che non hanno potuto vivere, la parola che non sono stati.

Vedro mondi nuovi, infinite terre e sterminati cieli. Scoprirò che ogni amore è già – se noi lo volessimo – tutto questo. E abbraccerò nell’amore di Rosi tutti gli amori di tutti i tempi. Tutti gli innamorati insieme canteremo l’aprirsi degli infiniti mondi.

Ci riconosceremo dalle nostre ferite, che nel nostro corpo risorto diverrano la possibilità d riconoscerci. E che bello essere il nostro corpo nuovo, tutto relazione, già come ora, più ancora di ora. Anche i simboli risalgono il fiume, e la, alla sorgente, ci partoriscono alla risurrezione.

Incontrerò il mio maestro di catechismo Erminio, e quello di prima elementare, che, unico, mi volle in classe, e il mio grande professore di latino e greco al liceo. Incontrerò tutte le persone che mi hanno voluto bene. Con quelle che non mi hanno amato ci si spiegherà e magari si diventerà amici e si berrà insieme qualche buon calice di vinello del Paradiso, senza più badare alla glicemia o al colesterolo.

Sì mi spiace morire. A parte la sofferenza, mi toccherà per qualche tempo lasciare qui sola la Rosi, i miei figli, la mia nipotina, Davide, Daniele, ma bisogna pure che qualcuno vada ad attendere. Per questo, a differenza del morire, la morte non mi dispiace affatto: si gode l’essere stati attesi e si impara l’attendere, cioè si vivono le due dimensioni forse più belle dell’essere creatura.

Ma torniamo al Verano. Lo diceva bene Foscolo, cimiteri e sepolcri servono più alle illusioni dei vivi che non ai morti. Se proprio si vuole essere precisini, servono ai vivi quasi morti, se non proprio ai vivi vivi, nel senso che, chi si sente più o meno vicina la morte, comincia a pensare alla “fissa dimora” e, per qualche ossessivo-compulsivo anche alle modalità del funerale, magari partecipa su ebay all’acquisto delle tombe del Verano. Ci sono i deficienti, i montati, i folli, che pensano ai mausolei più o meno faraonici, quasi per garantirsi pubblico e audience almeno da morti o più da morti che da vivi, come se le future generazioni non avessero altro da fare che rendere memoria ai vemiciattoli contenuti nei grandi mausolei. Forse per “dovere della memoria” loro, poveretti, intendono questo.

Al confronto mi diverte di più l’idea di un mio amico pittore, buon bevitore e robusto gaudente di inarrivabile simpatia. Da morto vuole essere cremato e vuole poi che le sue ceneri vengano disperse durante uno spogliarello al mitico Moulin Rouge, in quel di Pigalle. Non male. Non so che ne penseranno le povere belle fanciulle vedendosi piovere addosso tanta lussuriosa nevicata mortuaria, ma almeno il mio amico, a modo suo, già si gode il morire, da artista.

Io vorrei che il giorno della mia morte fosse una festa, che tutti ridessero, che tutti si abbracciassero, che fossero felici l’al di qua e l’al di là.

In fondo vorrei morire come sono sempre vissuto. Da cosciente, da sveglio, non rincoglionito da farmaci o da psicofarmaci. Vorrei morire da contento, verificando e provando tutto il morire, così come ho sempre verificato e provato tutto il vivere, guardandolo dritto negli occhi. Da vivo sono vissuto fregando la morte, che non voleva lasciarmi nascere. Da morto vivrò fregando la vita, che pretendeva di darmi lei da sola la felicità.

Morire è un processo, proprio come vivere: sono qualcosa in corso d’opera, sono una casa sempre circondata dall’impalcatura del carpentiere. Essere felici, quello sì è uno status, non un processo. È una bella casa finita e ben visibile. Per questo si può già qui essere in Paradiso, Non occorre procurarsi una tomba al Verano. Per essere – già qui – in Paradiso, basta essere felici

Un lettore mi chiede per email che libro stia leggendo. Non leggo mai un libro per volta. Ne ho sempre almeno una ventina sotto mano, che mi gusto passando dall’uno altro. Solo sulla tavolozza i singoli colori prendono anima, si incontrano, si provocano l’un l’altro, si mischiano, si ritrovano, si inventano in sfumature incredibili.

Attualmente ho ripreso in mano l’Antigone e il Filottete di Sofocle. Ero provocato dalla vicenda di due miei pazienti. Lì sto trovando risposte formidabili.

Mi sto gustando il De rerum, natura di Lucrezio. Mi entusiasma la sua abilità di dire filosofia in poesia, la sua disperazione, il suo bisogno di certezza e di entusiamo. Meraviglioso.

Non perdo giorno senza almeno un’occhiata dare al Don Chisciotte, al Gargantua e Pantaguel e all’Orlando Furioso. Come fa la gente a perdersi godurie del genere?

Qualche pagina al dì non mi faccio poi mancare né del De consolatione philosophiae del dolce Severino (Boezio) né del De Trinitate del mio immancabile Agostino

Ho ripreso da qualche giorno La fortezza vuota e Sopravvivere di Bruno Bettelheim. Ogni due o tre anni me lo vado a rimangiare. Idem per Paradosso e controparadosso della mia maestra Mara Selvini Palazzoli; era un po’ che non me lo rivedevo. Sempre un bellissimo ritrovarsi.

Travolgenti interroganti libri di questi giorni sono poi Alcune mie vite di Varlam Salamov, Per questo di Anna Politkovskaja. Grondano sangue e pregano libertà. Li sto leggendo insieme alla rilettura di Sommersi e Salvati di Primo Levi e di Niente di nuovo sul fronte occidentale di Remarque. Quanto prego leggendo questi libri! Quanto bisogno di salvezza e di redenzione!

La bellezza e l’inferno di Saviano ormai è quasi finito. Spunti forti e belle intuizioni dell’anima e dello spirito.

Istruttiva l’indagine sul folle mondo dei pellegrinaggi di Medjugorie e del Rinnovamento nello Spirito Santo mi è fornita da Cattolicesimo magico. Un’indagine etnografica, un intelligente libretto di Marco Marzano, che mi si dice insegni proprio qui all’università di Bergamo.

Anche se li avevo rivisti poco più di un paio d’anni fa, ho di nuovo aperto le pagine di Segnavia e di Sentieri interrotti di Heidegger. Mi piace il suo modo di procedere, di argomentare, di guardare le cose e il mondo.

Quel che è di Cesare è un interessante libro-intervista di Rosy Bindi. Mi piace quest’anima di donna e di politica. Forse non ce la meritiamo.

Sarà antipatico come persona, ma è davvero accattivante come stratega e storico. Sto parlando di Edward Luttwark di cui sto leggendo il chiarissimo La Grande Strategia dell’Impero Romano.

Mi sto poi godendo da qualche tempo i rapidi libretti che accompagnano i DVD di Invito al balletto, che la De Agostini sta pubblicando sul balletto classico. Un vero paradiso per gli occhi, le orecchie e l’anima.

Nè può mancare la poesia. Ora è il turno di Tutte le poesie di Garcia Lorca. Le accompagna la rilettura di Poemi Africani di Léopold Senghor, grande politico e enorme poeta della negritude.

Sto poi leggendo Memorie di un monaco di Bruno Vergano, uno scritto disincantato su una devastante esperienxza con i Memores Domini di CL.

Immancabile poi la lettura di don Primo Mazzolari: mi sto rileggendo La pieve sulll’argine. È una vera metafora della chiesa d’oggi e di chi ci vive.

Sempre aperta sulla mia scrivania poi ci stanno l’Odissea, la Divina Commedia e la Bibbia. Ora, per esempio, sono lì aperte all’incontro tra Odisseo e Nausicaa, al primo canto del Paradiso e al capitolo terzo del Qoelet.

A proposito di Pablo Pineda e di Simonetta

Voglio commentare quanto mi scrive Simonetta riguardo all’articolo Pablo può essere un ottimo insegnante, dove parlo delle grandi prospettive come insegnante di Pablo Pineda, spagnolo 34enne con sindrone di Down, di recente laureato in psicopedagogia.

Simonetta scrive: “Grazie per aver dato la giusta voce a ciò che percepisco con la “pancia” ma che non sapevo come spiegarlo. Nel vedere il viso di Pablo davanti ai suoi alunni ho avuto la chiara sensazione che lui ha una marcia in più rispetto ai suoi colleghi, una sensibilità/cura nel trasmettere i saperi e nel passare le sue qualità pur non nascondendo le sue difficoltà. La strada è lunga ma non impossibile!!”.

Prima di tutto vorrei dire alle donne di fidarsi di più della propria pancia. Ha ragione Simonetta. Non me ne vogliano i miei colleghi maschi, ma penso che la pancia di una donna sia il più formidabile e preciso organo di conoscenza che l’essere umano possa attivare. Ricordo al proposito una frase di Mara Selvini Palazzoli, mia grande maestra di psicoterapia: a me, che, stupito della infallibile immediata esattezza delle sue diagnosi, le chiedevo come facesse a capire al volo i casi più difficili, candidamente rispose: “lo sento di pancia”. Del resto perchè stupirsi di questo, se Dio stesso ha voluto che la vita di tutti noi (e di Gesù) fosse concepita, coccolata per nove mesi e partorita dalla pancia di una donna? L’esperienza clinica mi dice che, se una donna non sa fidarsi, quanto dovrebbe, della propria pancia, è segno di un rapporto non adeguato e sereno con la propria femminilità e con la propria identità di genere, come purtroppo capita a molte donne abusate o poco amate fin da piccole; spesso una buona terapia può aiutare queste donne a riconquistare il piacere di essere sé stesse, pancia compresa.

In secondo luogo voglio dire che il primo sapere che un insegnante comunica è il sapere della vita. Se un insegnante non vive e non gusta il sapore della vita, come può prima vivere e gustare lui e poi fare vivere e gustare agli allievi il sapore della scienza, il sapore del sapere? Se non è bagnata e fecondata dal gusto di vivere, la scienza diventa barriera, corazza, metodo, ideologia, confine, noia, violenza. Se invece è bagnata e fecondata dal gusto stupito di vivere, la scienza è gioco di ipotesi, curiosità, avventura, orizzonte, alba, gioia, condivisione, amore. E chi più di un Pablo che, secondo alcuni neppure sarebbe dovuto nascere, sa quanto è bella la vita, quanto la si può gustare, leccare, succhiare, inspirare fino alla profondità più panica e meravigliosa del diaframma? Ogni insegnamento dovrebbe essere inscritto nello scrigno prezioso, vivo e vivificante del gusto di vivere, del piacere di vivere, del piacere di gustare il sapore della vita. E Pablo è il formidabile signore di quello scrigno; basta vederlo all’opera, mentre parla davanti ai suoi allievi e, prima ancora, mentre si gusta e lecca la sua prodigiosa stupenda esistenza.

In terzo luogo vorrei dire che gli allievi, soprattutto i più piccoli (ma ogni allievo nel proprio cuore è e può essere un piccolo stupito bambino e principe saintexuperiano) capiscono al volo chi è il loro maestro, quanto è vero o falso, quanto ama o non ama la vita e il sapere. Cara Simonetta, che bisogno ha un insegnante come Pablo di nascondere o non nascondere “le sue difficoltà”? Quali difficoltà? Se non ci fosse chi le chiama “difficoltà”, Pablo non avrebbe difficoltà: Pablo avrebbe solo quella straordinaria facilità di vivere che lui ha ed è. Certo, se gli altri rompono le palle e continuano a chiamare “difficoltà” ciò che non lo è, alla fine un po’ di difficoltà Pablo per forza ce l’ha. Lui lo sa benissimo che la difficoltà di vivere ce l’hanno più gli altri di lui. Se non lo sapesse, sarebbe stato prevaricato dalla ideologia della difficoltà, sarebbe finito schiavo di chi lo voleva infelice. Ma Pablo infelice non lo è, con buona pace di chi, non sapendo essere felice, ha bisogno di pensare che esista chi è infelice.

Vorrei dire un’ultima cosa. Le strade non sono lunghe o corte, possibili o impossibili. Le strade o sono nostre o non lo sono. Una strada è nostra quando ne sentiamo uno per uno i sassi e ne assoporiamo il vento, quando ci accorgiamo che con noi cammina la verità e la vita, come in tutte le strade che vanno da Gerusalemne a Emmaus. Il confine tra possibile e impossibile non sta in una strada, non è una strada: il confine tra possibile e impossibile siamo noi quando di pancia sentiamo che Pablo è bello, grande, fantastico, unico. Viva Pablo.