Salta la navigazione

Perché non si festeggia il menarca?

 

In tutte le società e culture che noi ci ostiniamo a chiamare “primitive” si festeggia l’arrivo delle prime mestruazioni. Tutta la comunità si dichiara felice che una nuova donna sia presente e che, con il potere della sua femminilità, renda più ricchi tutti quanti; vede in ciò motivo di gioia e di speranza sociali. La ragazza poi si trova al centro della attenzione sociale e, soprattutto, si sente vista e considerata come adulta. Questo le dà un nuovo e gratificante senso di sé, del proprio corpo, della propria centralità sociale. Riceve con ciò una notevole conferma, che le permette di compensare alla grande la difficoltà da un lato dell’abbandono della fanciullezza e dall’altro dell’accesso alla dimensione adulta. Il difficile passaggio dal vecchio corpo e dalla vecchia vita di bambina a quelli nuovi di donna è così sorretto ed equilibrato dalla festa, dall’attenzione ricevuta, dalla riconosciuta nuova dimensione di femmina adulta.

La festa della comunità struttura ed equilibra anche il delicato rapporto tra famiglia d’origine e ragazza mestruata. In primo luogo dice alla famiglia d’origine che il suo compito è stato assolto e che quindi essa ha svolto quanto le competeva: questo dà conferma all’azione formativa ed educativa della famiglia d’origine, le dice che la missione è stata compiuta e che ci devono essere non sensi e dubbi di colpevole inadeguatezza, ma solo festa e gioia per il risultato raggiunto. In secondo luogo, affermando la dignità adulta della nuova donna, la comunità in certo senso comincia proprio con questa festa a compensare la fatica e il dolore che lo svincolo di una figlia comunque comporta, preannunciando con ciò la festa che a suo tempo accompagnerà il matrimonio della ragazza e la definitiva rinuncia a lei da parte della famiglia d’origine.

Da noi l’arrivo delle prime mestruazioni è evento quasi clandestino. A esserne informata è di solito la mamma, che spesso si limita a dare qualche rapido consiglio su come intervenire con i pannolini. Troppo di frequente da parte della mamma non c’è neppure un sorriso o un festoso abbraccio di complicità femminile. L’unico squallido risicato commento che purtroppo molte mamme si limitano a fare è “adesso devi stare attenta ai ragazzi e a non restare incinta”. Spesso questo commento o altri di segno analogo sono accompagnati da un tono di voce e da sguardi non certo festosi e gratificanti, tali da comunicare un messaggio più o meno di questo tipo: “poveretta te, anche tu adesso sei donna e devi fare i conti con il sesso e con il maschio!”.

Il padre di solito è informato solo di nascosto e non manifesta alcunché alla ragazza, come se il suo essere ora una donna non contasse nulla e non cambiasse nulla.

Nulla è cambiato, c’è solo un’incombenza igienica in più e una nuova paura del sesso e del maschio: questo di fatto è il messaggio che con l’arrivo del menarca viene dato a molte delle nostre ragazze. Il rapporto con il nuovo corpo di donna e con la sessualità è vissuto in una sorda clandestinità, spesso abitata da paure e sensi di colpa, che aumentano a dismisura, fino al parossismo, la difficoltà a lasciare la fanciullezza e l’impegno a vivere la dimensione adulta. Anche a scuola (per molte ragazze, ormai, la scuola è l’unico spazio sociale extrafamiliare praticabile) nessuno ti dice né ti riconosce nulla, né ti conferma di nulla; se quella mattina hai un’interrogazione, conta solo questa, non il fatto straordinario che tu sei diventata donna.

Quando le mie due figlie hanno avuto le prime mestruazioni, qui nella nostra casa si è fatto festa, abbiamo mangiato la torta e bevuto lo champagne, sono state donate loro bellissime rose rosse, Rosi ed io eravamo felici. Mi spiace che, a fronte di ciò, non ci sia stato un adeguato e simmetrico riscontro sociale: sarebbe stato decisivo, bello, importantissimo.

 

 

 

Annunci

5 Comments

  1. Al termine della spiegazione del ciclo ovarico ho letto alla mia nuova classe (medie) il post “Perchè non si festeggia il menarca?”: sono stati tutti molto attenti. Alla fine della lettura, la prima a parlare è stata una ragazzina che non sentiva sue le parole lette :” Non è vero, a me hanno fatto un regalo”, un’altra (che non parla mai) è invece venuta alla cattedra e mi ha detto “Grazie. Bellissimo” . I ragazzi hanno ascoltato il post in silenzioso stupore, con occhi spalancati, ma alla fine uno ha detto (un po’ arrabbiato): “E perché non si festeggiano i maschi?”, un altro gli ha risposto:”Perché succede di notte, cosa faccio, vado a dire a mia mamma – sai che…- “ e i compagni si sono messi a ridere. Ho cercato di rispondere, come riuscivo.
    E’ una classe che conosco da un mese, l’apparato riproduttore era in programma l’anno precedente ma non è stato affrontato. Ci sono storie molto diverse tra quei banchi, si sente. Mi sono sentita inadeguata in alcuni momenti. Sono certa però che almeno la lettura del post per qualcuno è stato un bel regalo e, anche se lo è stato per una sola persona, era da fare.

  2. Cara Maria, cerco di spiegare. Vai al post “Prova di risposta a Maria, una bambina spaventata da un’inattesa e terrificante macchia di sangue (a proposito di menarca)”.

  3. In realtà, non so quanto una bambina spaventata da un’inattesa e terrifica macchia di sangue sulla sua biancheria possa aver voglia di festeggiare. A volte è qualcosa di spaventoso che forse qualcuno dovrebbe spiegare con delicatezza.

  4. A casa della mia compagna (Kyoto) l’evento e’ stato annunciato portando in tavola del del riso rosso (beh, insomma, marroncino) invece del solito riso bianco. Si tratta di un tipo di riso piuttosto saporito, che e’ utilizzato anche in altre occasioni speciali. In Italia si potrebbe fare un risotto al barolo 🙂

  5. sono pienamente daccordo, a casa mia quando è toccato a me s’è fatto lo stesso, non con torta rose e champagne ma il regalo l’ho avuto, dai miei genitori e da un’amica di mia madre!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: