Skip navigation

 Clicca qui: Tutti i commenti

Annunci

19 Comments

  1. Carissimo Gigi e cari lettori del blog,

    invio qui il link all’ultima intervista rilasciata dal Cardinal Martini prima della sua scomparsa:

    http://www.corriere.it/cronache/12_settembre_02/le-parole-ultima-intervista_cdb2993e-f50b-11e1-9f30-3ee01883d8dd.shtml

    Invito tutti a leggerla, o rileggerla. Sono parole piene d’amore, amore puro, che personalmente trovo con enorrme fatica all’interno della Chiesa. Martini era un grande uomo, capace di amare Dio e l’essere umano a braccia aperte, con il coraggio di DIRE ad alta voce gli errori dell’uomo e della Chiesa, con un solo scopo: migliorarsi.

    Persone cosi’ sono una luce nella vita di tutti, adulti, bambini, credenti, atei: con tutti sono aperti al dialogo.

    Vorrei salutarlo con la speranza che le sue parole possano respirare ancora e ancora.

    Elena

  2. Venerdì 20 aprile 2012

    ogni tanto il Padre Eterno
    mi dà un’avvitatina all’insù
    (Gigi Cortesi)

    Questo è accaduto venerdì 20 aprile 2012 in quel di Como. L’associazione Acàrya ha ospitato Gigi Cortesi e le sue bellissime parole, dette e scritte, e sempre palpitanti.
    Ho avuto il piacere di accompagnare Gigi come lettrice e credo che il pubblico presente, persone che hanno saputo cogliere una bella occasione, ed io stessa, siamo usciti dall’incontro un paio d’ore dopo con un paio di centimetri di vita all’insù: una bella avvitatina che dà il benvenuto come un fiore alla primavera.
    Un bel regalo decisamente!
    Grazie Gigi!
    Tante sono le parole e le immagini che hanno popolato l’aria venerdì, e un riassunto non saprebbe ridare la stessa magia: per gustarla occorre viverli certi istanti.
    Ma mi piacerebbe lasciare qualche pennellata di colore a ricordo di un bel quadro vivente.
    Logos…parola…aria-energia che esplode dalla bocca, che dice tanto a chi sa ascoltare e per chi conosce il valore della parola.
    Gigi ci ha accompagnato per mano alla radice dell’incontro con l’alterità, ci ha svelato la ricchezza emotiva e strutturante di parole che chiamano e dicono, come “papà”, “mamma”, braccia aperte al mondo (per chi ha goduto di questa verità svelata, quelle parole ora profumeranno di pane appena sfornato).
    Ci ha accolto nel sua sfera intima facendoci partecipi di 20 gradini che profumano di amore per una donna, per la sua donna. E’ stato un invito a celebrare l’incontro fra due anime che si prendono per mano, ad essere felici per loro e insieme a loro. Eh sì, perché ognuno di noi ha la possibilità di avere, trovare e salire i propri 20 gradini e là sentire il profumo del cielo. E quando si trovano, quando si arriva su in cima…si può avere solo voglia di cantare la propria felicità, di dirla agli altri perché anche gli altri vivano di una gioia così piena. “Ehi! Ma lo sapete che amare, amare per davvero nella pienezza del nome e dell’altro non è un’utopia?! Si può! Coraggio! Lanciatevi anche voi nell’incontro!” Questa per me era l’immagine delle poesie “Adesso salgo di sopra”. E sentendo il respiro del pubblico che ci seguiva…penso che ciascuno dei presenti abbia trovato la sua molla per salire su.. per trovare la sua “avvitatina”!
    E con una sferzata di colore rosso allegro, indaco di leggerezza e verde di gioventù, abbiamo giocato con le parole, poesie di colore, di animali che portavano l’allegria di vivere.
    Ed aforismi, allegri, profondi, scherzosi, piccanti, per invitare alla riflessione, a non lasciare scivolare via le giornate, ma vivere ogni alba e tramonto con parole che sanno dare un nome tutto suo alla giornata vissuta, un bel nome proprio e unico!
    Il tutto condito con grande saggezza e conoscenza, cultura e ironia, e tanta, ma tanta voglia di stare insieme all’altro e dirsi: ma sai che l’essere umano quando vuole è proprio bello?!
    E quale grande regalo ci ha fatto la presenza e la partecipazione di un grande amico: il fantastico pittore Gianni Bolis che per l’occasione ha letto due poesie, e per incanto l’arte che Gianni sa sprigionare con le proprie mani si è disegnata nell’aria con le sua voce, regalandoci una vibrante emozione!
    Questo è un altro aspetto bello e sorprendente degli incontri con Gigi: non si è uno sopra l’altro, uno di fronte l’altro, ma uno con l’altro, uno insieme all’altro. E così la parola e l’ascolto si fondono in una relazione concreta, e ogni voce che si alza a cantare insieme è un battesimo da festeggiare, note su uno spartito che unite compongono musica.
    L’incontro si intitolava “D’amor parlando”, e in tutto il titolo è stato rispettato e vissuto. E se mi chiedeste un’azione che descriva quanto accaduto…mi toglierei le scarpe e camminerei su un prato a piedi nudi, sentendo il profumo della terra penetrare nella pelle, i fili verdi carezzare le dita e l’umidità di sole farmi ringiovanire.
    Anzi…adesso lo faccio proprio! Quindi…vi saluto qui!
    Mi auguro avremo altre e tante occasioni per vivere e inzupparci di incontri così, sempre nuovi e sorprendenti. Dai Gigi! Facci volare nei prati!
    E in questa domenica pomeridiana di cielo blu, invito tutti a una salutare camminata a piedi nudi!

    Elena Gaffuri

  3. Caro dott. Gigi, in occasione delle feste natalizie ho partecipato ad un viaggio organizzato in pullman in una bellissima regione italiana. I partecipanti erano donne e uomini soli, coppie mature e coppie di mezza età ….con figli già adulti. In particolare hanno attirato la mia attenzione due giovani: una ragazzo ed una ragazza di età compresa tra i 20 e i 30 anni, sempre vicini ai propri genitori (a tavola erano seduti in mezzo a papà e mamma!!!), che hanno socializzato pochissimo e a me parevano molto tristi e depressi. Se fossero stati con i loro coetanei non sarebbero stati più felici? Gradirei un suo parere in merito. Grazie.

  4. caro Gigi,ho deciso di non darti tregua e di farti fare molto straordinario! Voglio infatti provocarti con un altro quesito.Fino a che punto e’ influente la coppia genitoriale nel caso di un serio problema di tossicodipendenza? Soprattutto quando riguarda il primo figlio maschio? Forse azzardo ma secondo me ci sono molte analogie con l’anoressia.Grazie di cuore

  5. caro Gigi ho letto con interesse alcuni articoli sul tuo sito che trovo estremamente interessanti. Anche io vorrei porti una domanda perche’ dopo il parto tanto spesso le donne vanno incontro ad una depressione profonda. non credo affatto che gli ormoni possano giocare unruolo cosi determinante, o quanto meno essi possono creare disturbi dell umore in forma contenuta. Io invece faccio riferimento alla depressione vera, quella che causa il vere dolore della mente, il pensiero ossessivo che pensa e che non lascia tregua alla donna. In attesa ti ringrazio per il tempo che vorrai dedicarmi

  6. EVVIVA!!!!!!!!!
    In un momento in cui le brutte notizie ci salutano con troppa frequenza da giornali radio e tv, ecco una bella luce che riscalda questo dicembre: i siti wordpress e polisethoslogos sono riaperti! Si esulta nel comasco e nel parigino!
    GRAZIE GIGI CORTESI PER QUESTO BEL REGALO!
    Elena

  7. mi approccio al suo sito per la prima volta spinta dalla curiosità (mi ha parlato molto di lei mia zia Tiziana) e…non smetto più di leggere e di capire quante cose abbiamo davanti e non vediamo nella loro giusta forma. Con questo sito ci sta regalando il paio d’occhiali che mancava. GRAZIE. SILVIA VALBUSA

  8. Caro Dottore
    Ho letto con interesse “Perchè le Donne parlano tanto….”
    Grazie per avermi insegnato ad ascoltare.

  9. Stasera sono andato a correre cosa che non facevo da anni.Sono contento.é un esercizio che fa molto pensare sopratutto quando lo fai nell’estrema periferia urbana.Spero che lei caro Gigi non smetta mai di scrivere e di tenere aggiornato questo sito.é prezioso leggerlo.Fa pensare.Esercizio che viene utile per quelle serate fredde che non si potrà andare a correre.
    Roberto

    • Grazie a te, Roberto. Mi regali la tua compagnia e mi lasci parlare con te nella solitaria poesia delle corse nella periferia estrema. Bello pensare che il mio lettore e io, un po’ come Totò e Ninetto della scena finale di “Uccellacci e uccellini”, possiamo mangiarci un po’ di petulante Ideologia e dire a Luna che anche la sua esistenza non è inutile.

  10. ciao sono Germana Mafioletti,mio nipote mi ha aiutato a trovare il tuo blog e appena tempo lo leggero con attenzione,nel frattempo abbraccio te e rosy che ho rivisto ieri cn grande piacere

  11. Un narcisita mi ha distrutto per due volte nella mia vita a distanza di 20 anni.
    C’e’ una forma di schizzofrenia in questa patologia,ho letto svariati libri, ma ho esperimentato sulla mia pelle il dolore che provocano questi tipi di persone, sopravvivere al loro comportamento che fa impazzire una donna è fuori dalle regole, ma sono persone speciali, sono gradevoli quando sono nel momento si, ma poi sono delusivi, è come colpire un muro di gomma, sono sordi, non sentono , hanno paura di vivere, ma sono grandi manipolatori e si riscattano nel lavoro che e’ l’unica cosa positiva nella loro vita. Io mi sono sdata , non c’è modo di comunicare con loro…..tu hai una ricetta???

    • Cara Fiore, ti ho risposto nel post dal titolo “quando lui è un narcisista distruttivo (Disturbo Narcisistico di Personalità, DNP), lei diventa una donna annullata e pietrificata”. Gigi Cortesi

  12. Aspetto anch’io, accanto a Fiore.
    Nell’attesa del discorso articolato che ci spieghi che i narcisi non diventeranno mai rose, si attrezzi di guanto da forno ‘chè questa è una bella bollentissima patata, vero dott…?

    • Si Laura anche io aspetterò una risposta articolata, comunque ringrazio il dottor Cortesi, che ha risposto alla mia lettera e intanto mi comprerò il libro ” La tenerezza dell’Eros” , anche se oramai credo di più a un certo amore ” chiamato ” agape” che all’altro chiamato ” eros”, ma non posso dare un giudizio senza leggere,chissà che non cambi idea…dopo aver letto il libro. Io sto cercando ancora una formula magica per risvegliare il narcisista dal suo sonno……..forse ..chissà lasciamolo dormire che è bello anche così….

        • Gigi Cortesi
        • Posted luglio 4, 2009 at 3:56 am
        • Permalink

        Lo notavamo proprio l’altro giorno anche Rosi e io, parlando dei giovani e di molte giovani coppie. A differenza di quanto dice la fiaba, oggi è più lui il bello addormentato da risvegliare.

  13. Ho letto l’argomento sul narcisismo. Ho letto vari trattati sull’argomento, lowen e la bioenergetica,altri saggi ma sopratutto da giovane ho avuto un uomo di quel tipo che mi ha fatto soffrire molto e a distanza di molti anni ho constatato che lui è sempre lo stesso. E’ diventato un uomo di successo , quello che voleva diventare,ha cambiato il mondo intorno a lui, ha una gran forza di spostare, di far cambiare gli altri, ma lui è sempre lo stesso, non cambierà mai e la sua sordita dell’anima , eppure ha un’anima grande e bella, ma ha paura di trovare se stesso. Mi chiedo come si fa ad entrare dentro queste persone , è difficilissimo, vorrei una risposta se me la può dare,la ringrazio.

    • La risposta esige un discorso un po’ articolato. Se trovo il tempo, lo faccio in un post ad hoc. Qualora me lo scordi, ogni tanto me lo rammenti, cara Fiore. Quanto al rapporto tra amare e cambiare o – come preferisco dire io – essere il mondo, si parla a lungo nel mio libro “La tenerezza dell’eros”.

  14. Le proteste contro il decreto Gelmini continuano, moltissime le manifestazioni e gli scioperi, migliaia gli studenti in piazza a “lottare”, aggressioni, cariche a colpi di manganelli dagli agenti di polizia, gruppi di infiltrati armati, e chissa cos’altro ancora che ci viene censurato.

    In tutto questo casino sembra che il governo se ne sbatta delle proteste della gente.

    Caro Dott.Gigi, le sarei grato se ci potesse arricchire con un suo commento in merito.

    Grazie anticipatamente,
    cordiali saluti,
    Maurizio P.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: