Salta la navigazione

Vorrei anch’io morire da sveglio,
dentro la sofferenza,
infradiciato di sofferenza,
quando la coscienza è più acuta
e l’uomo è più uomo
e sa, lui solo, che significhi
soffrire e morire come un cane.
Sposerò in quell’attimo
la coscienza.

Vorrei anch’io morire da sveglio
in un grande giorno di sole,
di quel sole che ti disidrata fin nelle midolla,
in ogni del corpo e del cuore più riposta papilla.

Oppure vorrei morire,
ma sempre e inesorabilmente da sveglio,
in una notte fresca di luna.
Quelle lune piene totali mi diranno
chi è la fanciulla coscienza
e quanto la seguì l’errante pastore (e l’insanato deserto).

In quell’attimo sveglio vedrò gli occhi di Silvia,
fuggitivi e ridenti,
e in essi le pupille buone e mai perdute del pane e di Rosi.

Sposerò in quell’attimo
la coscienza.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: