Salta la navigazione

no non mi inganno

essere morta io voglio

 

e lei da me se ne andava

precipitando nel nulla

 

e piangeva tutta

 

e questo a me disse:

 

“ahimè, da far paura soffriamo, Saffo,

io voglio essere te e da te scissa me ne vado”

 

e a lei io:

 

“sorridi disperata e va’

e scissa da me da’ a me la mente

 

lo sai come venivamo dietro a te

 

e se tu no

io però

voglio te tenere su nella mente (…)

 

era bello scioglierci fino a soffrirne

 

 

e molte corone di viole e rose e crochi

ponesti sul tuo capo qui a me vicina

e molte collane intorno al collo delicato

intrecciate e di fiori fatte

 

e con creme di erbe preziose

con le creme del re

tutta ti profumasti

 

e sui cuscini stesi per terra

con tocco delicato da far sciogliere

facevi uscire fino alla implorazione

i gemiti di desiderio delle giovinette

 

e danza non c’era né rito né sacro convegno nel bosco

da cui noi potessimo mai mancare”

 (trad. mia)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: