Salta la navigazione

Category Archives: animali

  bianco d’avorio rosa smeraldo

  anche d’inverno talora fa caldo

  fumo di Londra nero antracite

  salta la volpe sotto la vite

 

 giallo rosso arancio e blu

  per una notte ci diamo del tu

  canta il gallo sibila il serpente

  bolle in tegame tutta la gente

 

  colore nocciola bianco di panna

  bella con te questa capanna

  occhi di sogno cuore di stella

  di tutte le belle tu sei la più bella

 

  giallo di fuoco con giallo topazio

libero volo in mezzo allo spazio

fuggi gazzella scappa felice

Dante da sempre rincorre Beatrice

 

 

giallo viola verde e nero
mi innamoro di un mistero
l’idea è bella la testa è poca
disse l’aquila guardando un’oca

 

 verde pistacchio con rosa confetto
l’abbinamento è quasi perfetto
se poi aggiungo il giallo dell’oro
voce di scimmia non esce dal coro

 

 la nuvola è bianca il cielo è blu
che bello avere il naso all’insù
dentro lattuga carote e insalata
per il coniglio che bella mangiata

 

rosso il mio cuore pieno d’amore
rosso il fuoco con il suo calore
rosso il semaforo segna lo stop
e più non suona la musica pop

 

 

non so quest’anno come saranno

 

forse rossi di peccato e melograno
o azzurri abissali di marea e d’abbraccio
o giallo sfacciato di provocante limone
o verdi d’amore giocato sul prato

 

non so come saranno quest’anno

 

forse umidi di parto teneri cucccioli
forse prodigiosi forti danzanti destrieri
forse timide tremule tremanti gazzelle
forse aquile estreme alte in ebbra vertigine

 

come saranno quest’anno non so

 

di certo io so
che sempre venti
saranno quest’anno
i tuoi anni,
infinita stupenda anima dell’anima mia

 

 

 

tu Rosi conosci le piante

sussurri con loro i venti potenti

gli aliti sottili-inavvertiti

tu conosci i gatti e tutti i piccoli esseri

in cui da sempre vivono ritrosia e amore

 

tu delle ore assolate smarrite

devastate dall’ansia

conosci i silenzi e la gioia

 

tu conosci ogni piccolo linguaggio

ogni fiducia abbarbicata in fondo alla vita

tra le tue dita scivola eterno il discorso

 

sillaberemo un giorno

i sussurri delle piante

la protesta muta del gatto

 

 

 L’ autobus si fermò.

Era in orario.

Salì un vecchio

ch’era in ritardo

con la vita.

Il tempo non capì più

che cosa dovesse fare.

 

Gracchia la rana, razzola il maiale,

anche l’asino si mette a scalpitare.

 

 

lì sul limite

dove il mondo comincia

lì come sempre

saprò la tua bocca

bacerò le tue parole

bacerò i tuoi baci

 

non guardare le mie notti

non sono come le tue abitate

dalla santa luna

né come le tue sanno

l’arte vitale del serpente

o del coniglio l’attento tremore

o d’ogni altro animale il tranquillo accordo

con il pallore della notte

 

lì sul limite

dove il mondo comincia

e cominciano gli altri

lì come sempre

sta la mia dimora randagia

 

so che le cose non sono le cose

so che in ogni paralisi

vive rannicchiato un simbolo

 

so che gli occhi

hanno ciascuno la propria pupilla

e sanno – ciascuno – attingere

l’eterna riconoscenza

 

ma temo e odio e amo e tremo

di non riuscire

 

bacerò le tue parole

con questa voglia di morire

con questa voglia di finire che abita

vestita di colpa e di gioia

il confine

 

c’è in te la memoria presente vivente

dell’antico-sicuro potere

del fuoco e della rugiada

delle grotte e delle redenzioni

 

tu regina di ogni mio abisso

non guardare le mie notti

nel tuo antico potere accogli la paura

abbraccia i miei No di stupido saggio

 

tu bianca e tutta oscura

dà al mio limite

l’oltre che ogni limite annulla

 

 

 

AFORISMI … BESTIALI

  

un millepiedi bugiardo

ha mille gambe cortissime

 

 

i pesci non temono mai

l’umidità