Skip navigation

Sto guardando la liberazione dei 33 minatori cileni. Bellissimo ed emozionante. Spero proprio che tutti rinascano alla luce e al mondo.

Un rammarico però mi prende.

Perché siamo tanto bravi, solidali, uniti nei momenti delle liberazioni (e neppure in tutti), e perché siamo così incapaci di goderci la libertà conquistata? Eppure il nostro vero destino è la gioia della libertà (e la libertà della gioia). Perché facciamo così fatica, dopo esserci liberati, a essere liberi? Perché facciamo così fatica a essere la gioia?

E poi perché accanto a tanta fantastica gioia per la liberazione dei 33 simpaticissimi cileni, c’è tanta violenta indifferenza per le migliaia e migliaia di giovani e meno giovani che se ne stanno da anni nelle profonde disperazioni della disoccupazione, del precariato, dell’impossibilità di futuro, oppure nei tunnel abissali della paura di aprirsi alla vita, all’incontro, alla diversità, al mondo, oppure nelle cave nascoste della rabbia violenta, della voglia di picchiare, uccidere, prevaricare, gettare fango?

Ogni attimo di libertà goduto è una liberazione stupenda di identità e di umanità. Ogni istante di gioia condiviso è una avventura di futuro e di meraviglia. Il vero peccato e la colpa più profonda e devastante di noi uomini sono l’omissione della libertà e la negazione della gioia.

Almeno per oggi, auguro a tutti noi di goderci a pieno la libertà e la gioia. Se ci si abitua, non è difficile.

Annunci

One Comment

  1. E’ come se la terra avesse partorito i 33 anni di Cristo.
    Il 12/6/1981 scriveva Giovanni Testori a proposito della morte di Alfredini Rampi, morto a Vermicino nel ventre della terra:” Questo dice dal suo eterno cielo il piccolo grande martire di Vermicino; e cioè che la sua morte non finisca nell’emozione, ma che si trasformi in coscienza; e la coscienza in azione; in gesti anche diretti; anche politici. …Le parole che le sue labbra non cessano e non cesseranno mai di sussurrarci sono queste; questi gli allarmi; questi gli annunci dolci, ma fermissimi, che i suoi occhi, da cui il ” Dio che consola” ha levato il fango che noi non siamo riusciti a togliere, continuano e contnueranno a mandarci…. La pace che Alfredo vuol farci scendere dal suo piccolo corpo, dal suo bellissimo viso, dai suoi occhi e dalle sue labbra ridiventate rosa non può avere altro nome che quello della responsabilità”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: