Skip navigation

 

sempre sei tu

la mia sola bambina

piccola e cara e unica e bella

 

 

sempre sei tu

che corri incontro

al ritorno la sera

 

 

e ancora di più

con l’anima rincorri

al mattino

all’uscita da casa

 

 

di sotto in su guardi

rubi il respiro

in te lo tieni fino a sera

 

 

quando

nel bacio

me partorisci

alle nostre notti

in-vidiate dai cieli

 

 

 

Annunci

One Comment

  1. “Quando gli Anni Sessanta
    saranno perduti come il Mille
    e, il mio, sarà uno scheletro
    senza più neanche nostalgia del mondo,
    cosa conterà la mia ” vita privata”,
    miseri scheletri senza vita
    nè privata nè pubblica, ricattatori,
    cosa conterà! Conteranno le mie tenerezze
    sarò io, dopo la morte, in primavera,
    a vincere la scommessa, nella furia
    del mio amore per l’Acqua Santa al sole.”
    ( P.P.Pasolini- 23 aprile 1963)
    Poesie in forma di rosa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: