Skip navigation

Solo l’uomo può illudersi di essere sé stesso soltanto nella dimensione dell’identico, cercare di produrre l’identico, credere – con follia omicida – di omologarsi’all’identico e di essere l’identico. L’uomo giunge così a rendere norma e legge l’identico, a dire e pensare che la diversità è reato, colpa, vergogna.

Dio è identità nella diversità, crea creature tutte tra loro diverse, sempre diverse, divinamente diverse, gioiosamente diverse. Nel soffio di Dio non c’è creatura e non c’è uomo se non nella unicità irripetibile della diverstà, che parli di quella creatura e di quell’uomo come in-segnati dal prodigioso gusto divino della diversità. 

 

Annunci

12 Comments

  1. Bentornato dott. In questo prato dai mille colori, infiniti profumi, bizzarre meravigliose forme!

    • Evviva Laura. Grazie per il caleidoscopico profumatissimo saluto.

  2. Bentornato anche da parte mia.. Mi è mancato ogni giorno non trovarti di nuovo..

    • Grazie, Gianluca. Salutami tutti gli amici della valle.

  3. Ieri sera hanno programmato alla televisione un interessante servizio che, sul ricordo di un’offesa arrecata in un ristorante alla famiglia di una bambina con sindrome di Down, illustrava una giornata trascorsa da alcuni giovani con la medesima sindrome e ognuno affrontare situazioni comico-satiriche da protagonista, ovviamente coadiuvati da un paio di giornalisti.
    Faccio ora una riflessione: ognuno di loro aveva una sua specifica diversità.

    • Riguardo all’offesa ricordata da Mario, mio caro compagno di università al Collegio Augustinianum, ho già scritto a suo tempo nell’altro mio blog, al quale rinvio Mario e i lettori. Quanto lì ho scritto è riportato nel mio ultimo libro “Implosione”, all’interno del quale riceve una connotazione ulteriore di significato in ottica psicologica, politica ed etica.

  4. Bentornato Gigetto…
    Mi mancavano i tuoi pensieri!

    • Grazie, Roberto. Anche a me mancavano i tuoi commenti di caro, vecchio amico dei miei tempi più lontani.

        • roberto
        • Posted marzo 18, 2010 at 8:30 pm
        • Permalink

        Mi avrai certamente perdonato per il “nomignolo” ma la mia sincera ed antica amicizia non sminuisce la grandissima stima che ho per te dottor Gigi – vecchio amico.
        p.s. stò leggendo IMPLOSIONE…

        • Gigi Cortesi
        • Posted marzo 19, 2010 at 12:00 am
        • Permalink

        Sono felice di sentirmi chiamare Gigetto, soprattutto da te e da Rita. Mi sento bene. Ti prego, continua così.
        Quanto al mio ultimo libro IMPLOSIONE, aspetto un tuo commento.

  5. BENTORNATO DOTTORE!!!
    E GRAZIE!!!
    Ho sentito tanto la Sua mancanza nel blog e sono certissima che come me l’hanno sentita tanti, ma proprio tanti. Sicuramente non sono sfacciati come me che l’ho contattata tramite e-mail persino preoccupata del Suo silenzio…
    Ne vale sempre la pena Dottore, ad ogni costo e pur con tanta fatica…per pochi o per tanti…
    Perchè nella divina diversità con cui Dio crea ciascuno di noi, Sue creature, abbiamo un denominatore comune: l’identità di SUOI FIGLI.
    E il bisogno di sentirci dire, da chi come Lei ha le idee ben chiare, parole di Verità Eterna.
    L’abbraccio caramente.

    • Esagerata, Claudia! L’unico che ha parole di vita eterna è Cristo. Io sono solo un povero cristo. Grazie comunque del saluto e dell’affetto, che ricambio.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: